“AMICHEVOLI FINITE, ADESSO SI FA SUL SERIO” di SIMONE VARROTO

Chiusa una lunga fase preparatoria, tutte le squadre dalla Serie A alla Serie B fremono per iniziare il loro campionato.

Per la seconda squadra dell’Argos Petrarca Padova, unica rappresentante locale in Serie A, la stagione partirà domenica prossima 14 ottobre, qui al centro Geremia, contro il Paese neopromosso.

I Cadetti di Rocco Salvan e Federico Conforti si sono aggiudicati tutte e tre le amichevoli pre-campionato, tutte disputate alla Guizza. Sgranchite le gambe con il modesto Varese (neopromosso in Serie B), Sattin e compagni si sono misurati prima con l’Unione Capitolina, vincendo di misura 19-12 (mete di Trambaiolo, Alagna e Simonato), e quindi sabato 29 settembre con il Rangers Vicenza. Il Xv berico, allenato dall’ex petrarchino Roberto Rampazzo, sarà avversario dei tuttoneri nel Girone 2 della rinnovata Serie A, e si è confermato un cliente ostico.
Al centro Geremia le due formazioni hanno dato vita ad un match dai due volti, concluso sul punteggio di 24-22 per il Petrarca. I padroni di casa hanno preso in mano le redini dell’incontro nel primo tempo, andando a segno tre volte con Belluzzo, Zulian e Chinchio. A riposo avanti 19-5, i Cadetti hanno allungato con D’Incà nella ripresa per poi cambiare tutti gli effettivi in campo. Nella parte conclusiva del match il pallino del gioco è passato al Rangers Vicenza, capace di riportarsi sotto di due punti senza tuttavia riuscire a ribaltare la situazione. Nel complesso è stato un buon testa a testa, tra due squadre che già lo scorso anno si sono misurate in Serie A. Come da tradizione la formazione berica ha puntato molto sul gioco di mischia, potendo contare su diversi elementi di peso ed esperienza maggiore, mentre il Petrarca ha puntato sull’efficacia in rimessa laterale e sulla qualità nel gioco di movimento per indirizzare la gara a proprio favore.

L’ultimo impegno di pre-campionato per i Cadetti petrarchini è stato l’allenamento congiunto con partitella finale con il Cus Padova (Serie B), che si è svolto ieri sera al centro Geremia. Un confronto intenso e positivo per entrambe le formazioni, che ha permesso agli staff tecnici di lavorare su alcuni aspetti di gioco in un contesto costruttivo e stimolante in vista dell’avvio della stagione.

Gli amaranto-oro di Pellielo, Matteralia e Gaffo hanno finora giocato in amichevole con il Riviera, due settimane fa, aggiudicandosi per 4 mete a 1 la sfida giocata su tre tempi da 25 minuti, e quindi il sabato seguente hanno disputato la classica partita interna tra “probabili” e “possibili”, sempre ricca di indicazioni utili. Quest’anno il Cus Padova partirà sicuramente rinforzato dagli innesti di tre giocatori arrivati dalla Serie A del Petrarca, tra cui l’ex capitano Giacomo Del Ry, che vanta anche diverse presenza in Eccellenza. Con lui sono passati al club del bucranio il terza linea Filippo Galante e Alessandro Covi, altri due protagonisti della promozione in A dei Cadetti nel 2017. Il XV degli universitari inizierà il suo campionato in trasferta, domenica 14 ottobre, sull’impegnativo campo sintetico di Mogliano contro la seconda squadra dei biancoblu trevigiani.

Debutterà in casa invece il Roccia Rubano, l’altra formazione padovana di Serie B. I cinghiali rossoverdi partiranno subito sfidando la favorita del girone, quel Villorba che nell’ultima stagione ha visto sfumare la promozione in A solo nello spareggio con il Badia giocato al Plebiscito. Il Roccia ha finora disputato una sola amichevole, venerdì 28 settembre contro la seconda squadra del Valsugana Padova (Serie C1) mentre oggi pomeriggio parteciperanno ad un quadrangolare con Mirano, Castellana e VeneziaMestre.

Sul campo di Altichiero i rossoverdi di Baraldo, Colleselli e Palandrani hanno vinto 22-12 (4 mete a 2), al termine di un match piacevole che ha messo in luce anche la consistenza dei cadetti biancazzurri allenati da Carlo Toni, rinforzati da alcuni elementi della prima squadra del Valsu di ritorno da infortunio e da molti dei ragazzi che in giugno hanno vinto lo scudetto Under 18. Rubano ha dovuto impegnarsi soprattutto in difesa, riuscendo a fare la differenza nelle poche occasioni buone per attaccare. Anche per i rossoverdi c’è un inserimento dal Petrarca, il giovane mediano di mischia Andrea Nicoletti, oltre all’arrivo del trequarti argentino Dante Prati (fratello dell’ex capitano rossoverde Lucio), alla conferma del prestito del centro Miazzo (da Valpolicella) e al recupero di risorse importanti come i piloni Bortoletti e Mattiolo e come il centro Russo, l’anno scorso assenti per problemi fisici o di lavoro.

Sono usciti nel frattempo anche i calendari di Serie C1, campionato a cui sono iscritte due formazioni padovane. Il Monselice è stato inserito nella Poule 2 del Girone A, insieme a Bassano, Belluno, Castellana, Feltre e Piave, mentre i Cadetti del Valsugana sono nella Poule 1 del Girone B, con Mantova, Villadose, West Verona e le seconde squadre di Femi Cz Rovigo e Rangers Vicenza. La prima giornata vedrà i ricci biancorossi ospitare il Bassano, mentre i biancazzurri di Altichiero saranno chiamati ad espugnare il terreno del West Verona. Le prime tre di ogni gruppo andranno in Poule Promozione, le altre in Poule Passaggio. La vincente di ogni Poule promozione salirà in Serie B, mentre le ultime due delle Poule passaggio scenderanno in C2.

Nell’ultima categoria seniores maschile le due formazioni padovane, Selvazzano e Piazzola, daranno subito vita al derby, in programma domenica 14 ottobre al centro sportivo Ceron. I rinoceronti neroverdi e i gialloverdi dell’Alta affronteranno poi, nella Poule 2 di C2, Altovicentino, Frassinelle, Montebelluna, Amatori Silea e Venezia (ex Lido, che in estate si è fuso con il Foscarini).

Se i maschietti dovranno pazientare ancora una settimana, per le ragazze il momento di scendere in campo è finalmente arrivato. Domani comincia infatti il campionato femminile di Serie A (l’unica categoria esistente in Italia a livello di rugby a XV). Le ragazze del Valsugana Padova sono come sempre inserite nel Girone 1 ed esordiranno in trasferta nell’ostico stadio di Monza. Alle biancazzurre allenate dall’ex capitano tuttonero Nicola Bezzati (insieme a Daniele Frasson) va l’augurio di rappresentare al meglio l’ovale in rosa patavino e di poter riprendersi il titolo lasciano nelle mani del Colorno nell’ultima sfortunata finale scudetto.

 

Share Now

Related Post

blog-grid

IL PROGRAMMA DEL FINE SETTIMANA

blog-grid

L’ultimo saluto a Lillo Battistin