BUON TORNEO BOTTACIN A TUTTI!

Mi sveglio presto con una certa eccitazione mista ad una certa agitazione, guardo fuori della finestra, splende il sole e l’agitazione inizia a passarmi. 

E’ il Primo Maggio il giorno più importante della stagione per il Petrarca Rugby Junior, si gioca il Torneo Pino Bottacin.

Sveglio i miei figli, chi deve giocare e chi viene per aiutare e dopo una veloce ma sostanziosa colazione partiamo.

Arriviamo al Centro Sportivo Memo Geremia poco dopo le 7 e già ci sono i primi volontari all’opera.

Parcheggio la macchina e scendo, l’aria è frizzantina i colori del cielo azzurro e dei campi verdi, accesi come non mai. L’entrata è emozionante, l’arco nero con lo scudo del club ti accoglie nella casa del Petrarca Rugby, sventolano le bandiere del Petrarca e dell’Italia.

Cerco con lo sguardo i “miei uomini”, quelli che di fatto hanno organizzato tutto, cerco in loro quel sorriso e quello sguardo che mi dice “Va tutto bene”.

Un saluto in Club House per un caffè, accolto con un abbraccio da Hayat e Roberto, anche per loro è un gran giorno. E’ l’ora della riunione con gli Amici di Mattia, entro in sala conferenze e sui tavoli ci sono più brioches che la domenica in pasticceria al Duomo, son grandi questi ragazzi che gestiscono arbitraggi e tabellone del torneo, molti sono della Under18 e della Under16.

Iniziano ad arrivare le squadre ed i loro accompagnatori, mi ritiro in tribuna a godermi questo afflusso colorato di bambini felici, già pronti a giocare orgogliosi della loro maglia.

Gli altoparlanti richiamano tutti gli atleti a disporsi nel campo centrale per la cerimonia d’inizio, entro in campo e scorgo la banda musicale degli artiglieri pronta per l’inno, i Petrarchi capitanati da Roberto Luise e Andrea Miele, eleganti in giacca e cravatta stringono il tricolore insieme ai più piccoli atleti della Under 6 ed al Capitano della Prima Squadra, è il Petrarca Rugby che oggi rappresenta l’Italia rugbistica.

 

Suonano gli inni irlandese e francese, l’emozione sale la tribuna è in piedi ed i ragazzi schierati in campo sull’attenti. Entra la banda a passo di marcia suonando l’inno d’Italia seguita dal tricolore. 

A stento trattengo una lacrima e tra gli applausi riesco a dare il via al torneo.

E’ come un tornado, un susseguirsi incessante di partite sparse su 24 campi di gioco, fiumi di persone che tifano per le loro squadre. Giro e giro per il centro sportivo, per salutare un po’ tutti, i volontari della Croce Verde ed i medici dislocati nei punti soccorso tra i campi, i grigliatori del panino “onto”, ragazzi della seria A e dell’Under18 che sotto la guida esperta di Ricky e di Rocco Nardo, preparano centinaia di panini, il cui profumo invita tutti a recarsi prima o poi al Palapetrarchi; un passaggio agli stand degli sponsor e delle associazioni per uno scambio di battute, un saluto alle “ragazze” della segreteria che a tempo di record han già finito il controllo dei cartellini ed è quasi ora della pausa pranzo. Il tempo vola, ma riesco ad entrare nel tendone della mensa prima che arrivino le prime squadre a mangiare, il gruppo cucina ha fatto un lavoro fantastico ed in poco più di un’ora e mezza tutti gli atleti riescono a mangiare, e sono più di duemila!

Mi siedo anch’io a mangiare un piatto di pasta con i volontari, l’allegria è tanta e la sensazione che sarà un successo si tocca con mano.

Faccio due passi tra i campi vuoti a raccogliere un po di bottiglie di plastica, cerotti e tappi, e così riesco ad occupare la pausa; inizia a salire la tensione per il risultato finale, è vero non giochiamo per vincere ma quando accade si sta meglio.

Decido di bere il caffè al Petrarca Village, ma si sa com’è, prima mi tocca pranzare nuovamente e bermi una bella birra che tutto sommato non mi dispiace.

Riprendono le partite, salgo in tribuna per chiedere agli Amici di Mattia se la nuova App Sport in Cloud per la gestione del torneo funziona, tutto fila liscio, e ci sono migliaia di visualizzazioni, ci do un’occhiata anch’io incrociando le dita, le nostre squadre stanno andando bene.

Si arriva velocemente alle finali, la tribuna è gremita, in campo tutti i giocatori a guardar le finaliste, con una certa invidia ma anche rispetto e ammirazione.

 

A bordo campo il tavolo con la Coppa ed i premi per le squadre ed i giocatori, abbiamo vinto! Alzare la Coppa Bottacin insieme ai miei ragazzi, spinto di qua e di là dall’accalcarsi della marea dei giocatori bianconeri, è l’emozione più bella!

Il Torneo è finito, il sogno anche, quest’anno non abbiamo vinto, nessuno dei piccoli rugbisti provenienti da tutta Italia ha vinto.

Ha vinto lui, il maledetto Covid-19, ed a memoria di questo evento eccezionale metteremo il suo nome sulla Coppa con la targhetta del XXXIX Torneo Bottacin e ci vedremo l’anno prossimo per una stupenda giornata insieme.

Un ringraziamento a tutti i volontari, medici, Croce Verde, Petrarchi, Amici di Mattia, giocatori delle nostre Under dalla 14 alla Prima Squadra, gli sponsor, tutti quelli che erano pronti oggi ad accogliere al meglio nella casa del Petrarca Rugby migliaia di persone.

Un ringraziamento a tutte le squadre che si erano iscritte, 

RUGBY MILANO ASD

ASD RUGBY PAESE JUNIOR

VALORUGBY YOUNG ASD

U.S. PRIMAVERA RUGBY

ASD RUGBY VARESE

AMATORI & UNION MINIRUGBY MILANO ASD

AMATORI & UNION RUGBY MILANO ASD

MODENA RUGBY 1965 SCSD

VALSUGANA RUGBY JUNIOR ASD

ROCCIA RUBANO RUGBY JUNIOR AD

RUGGERS TARVISIUM ASD

BIELLA RUGBY CLUB ASD

VERONA RUGBY JUNIOR SRL SSD

ASD VILLORBA RUGBY

MOGLIANO RUGBY 1969 SSD ARL

MINIRUGBY PARABIAGO SSD SRL

RUGBY BASSANO 1976 ASD

ASD UNIONE MONFERRATO RUGBY

NORDIVAL RUGBY ROVATO 1976

HIGHLANDERS FORMIGINE RUGBY AD

AMATORI RUGBY VICENZA ASD

QUERCE RUGBY SSD A RL

ASD RUGBY CERNUSCO

VALPOLICELLA RUGBY JUNIOR ASD

RUGBY PARMA YOUNG ASD

 G.S. FIAMME ORO RUGBY ROMA 

BENETTON RUGBY TREVISO SRL

RUGBY FRANCIACORTA ASD

GISPI RUGBY PRATO SCARL S.D.   

 RUGBY UDINE UNION F.V.G. 

RUGBY PARCO SEMPIONE ASD

AD MAIORA RUGBY 1951

RUGBY FELTRE ASD

ASOLO RUGBY

MONTI ROVIGO

PROVINCE DELL’OVEST

POLISPORTIVA L’AQUILA RUGBY ASD

RUGBY CITTADELLA ASD

RUGBY SAN DONA’ 1959

Un abbraccio a tutti i ragazzi che oggi avrebbero dato il meglio di se stessi per vincere il torneo.

Forza Petrarca!

Ciao

Il Presidente

Antonio Sturaro

Share Now

Related Post

blog-grid

AGGIORNAMENTO SULL’ATTIVITA’ DELLA PRIMA SQUADRA

blog-grid

COMPLIMENTI AL NEO DOTTORE TOMMASO CUGINI

blog-grid

L’ARGOS PETRARCA RUGBY NON SI “FERMA”